Il Buco Nero di Lazzate – Capitolo 2

DSC05089Il passato e il presente.

(Ex fabbricato di Via Libertà angolo Via San Lorenzo)

Nella seduta consigliare del 27-11-2008, in merito alla mozione del gruppo OBIETTIVO LAZZATE, riguardante la  proposta di demolire il fabbricato di Via Libertà angolo Via San Lorenzo, il Consigliere Comunale capogruppo della Lega Nord per l’indipendenza della Padania dichiarava:

“dichiara con orgoglio che il gruppo della Lega Nord di Lazzate e l’Amministrazione Comunale dimostrano ancora una volta lungimiranza e che il gruppo consigliare da lui rappresentato voterà contro la mozione in oggetto, a difesa di Lazzate.

Ricorda che quell’edificio costituisce un valore per la comunità lazzatese… Afferma che l’Amministrazione Comunale ragiona su progetti futuri e sui benefici che dalla loro realizzazione deriveranno per la comunità, senza creare nel frattempo orrori che poi rimarranno per sempre.”

Alla lettera aperta al Sindaco consegnata il 05 marzo 2014 dal gruppo OBIETTIVO LAZZATE, con la quale si elencavo gli avvicendamenti e le spese effettuate dall’Amministrazione Comunale per l’acquisto di detti immobili, alle domande:

1) Perché è stato esposto un telo raffigurante un fabbricato nonostante il voto contrario, alla mozione del gruppo OBIETTIVO LAZZATE, espresso nella seduta consigliare del 27-11-2008?

2) La struttura ed il telo sono stati autorizzati, collaudati e ne è garantita la pubblica incolumità?

3) Il fabbricato raffigurato è il progetto di un edificio pubblico?

4) E’ un progetto privato esposto su un edificio comunale e soggetto alla tassa pubblicitaria?

L’Amministrazione Comunale non ha mai dato risposte ma  si è prodigata:

con delibera della Giunta Comunale del 04 -11- 2014 ha autorizzato lavori per la messa in sicurezza del fabbricato Comunale di Via Libertà angolo Via San Lorenzo, in modo da rimuovere la visibilità di quanto esposto da molti anni all’ingresso del centro storico di Lazzate ed eludere cosa non devono sapere i Lazzatesi.
Il capogruppo della Lega Nord del 2008, attualmente membro della Giunta Comunale,  ha deliberato l’abbattimento del fabbricato nonostante aveva votato contro la demolizione  con tutto il gruppo da Lui rappresentato.

La demolizione è avvenuta  a difesa di Lazzate?

L’edificio abbattuto continua a costituire un valore  di Euro 3DSC0508813.000,00 per la comunità?

L’intervento realizzato è un progetto futuro inserito nel contesto generale del recuperato centro storico?

Alla comunità lazzatese restano i benefici che deriveranno per quanto non realizzato ma già pagato a cominciare dall’area su cui sorgeva il fabbricato, non utilizzata?

Il BUIO  (il buco nero) oltre… il muro! Il  lato oscuro del muro non è alla vista di tutti.

La conclamata lungimiranza è… infinita in quanto dichiarare una cosa e fare l’opposto è la tecnica democratica usata che ha convinto i 2/3 degli elettori a dare mandato consecutivo alle stesse persone.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento